Faq

In questa sezione troverete le domande più frequenti sull’utilizzo delle nostre e-bike; qualora ci siano argomenti che non sono riportati, Vi preghiamo di contattarci e fugheremo ogni vostro dubbio.

Cos'è una bicicletta elettrica a pedalata assistita?

La bicicletta a pedalata assistita (EPAC – Electric pedal assisted cycle, detta anche pedelec ) è una bici alla cui azione propulsiva umana si aggiunge quella di un motore La bicicletta a pedalata assistita in questa configurazione è molto silenziosa, non ha nessuna emissione inquinante ed assicura qualche decina di km di autonomia usando l’assistenza del motore, fino a superare i 100km nei modelli più evoluti (batterie al litio) con un coefficiente di ripartizione del lavoro fra motore e ciclista variabile e selezionabile dal ciclista stesso.
Se una bicicletta elettrica funziona anche senza che il ciclista pedali, allora è un ciclomotore elettrico, soggetto a diversa normativa che trovi nella sezione dedicata del nostro sito. Modificare le biciclette elettriche espone l’utilizzatore a sanzioni penali e a gravi profili di responsabilità civile in caso di incidente.

Per utilizzarla devo mettere il casco e fare l'assicurazione?

Secondo la direttiva europea 2002/24/CE, la bicicletta elettrica a pedalata assistita è equiparata a tutti gli effetti ad una normale bicicletta e valgono quindi le norme e le esenzioni in vigore per le normali biciclette, quindi si è esenti dall’utilizzo di indicatori di direzione, fari e luce di arresto, tassa di circolazione, assicurazione e casco; usare il casco riduce il rischio di lesioni cerebrali in caso di incidente e Future-Bike consiglia sempre l’utilizzo di un caschetto omologato per protezione durante le vostre passeggiate. L’assicurazione non è obbligatoria, ma una polizza di Responsabilità civile “denominata Capofamiglia” costa qualche decina di euro l’anno e protegge tutti i membri della famiglia, dal cane che morde un passante alla perdita d’acqua che macchia il soffitto dell’inquilino che abita sotto, al figlio che con la bicicletta striscia la macchina del vicino.

Devo immatricolarla o targarla?

No, in Italia la bicicletta elettrica non è soggetta ad immatricolazione, e non necessita di una targa per poter circolare.

Che differenza c’è tra le batterie al Piombo e le batterie al Litio?

Le batterie al piombo erano le più utilizzate fino a qualche tempo fa, tuttavia la tecnologia ha fatto passi da gigante, specie con la più ampia diffusione di dispositivi quali telefoni cellulari. I vantaggi sono principalmente nel peso (140Wh/kg contro i 40 Wh/kg), l’assenza di metalli pericolosi quali piombo e cobalto e soprattutto l’assenza di effetto memoria, con conseguente possibilità di maggiori cicli di carica e scarica senza ridurne la capacità residua.

Che autonomia di marcia posso aspettarmi?

Sulla scheda tecnica di ciascun modello è indicata la massima percorrenza che ci si può aspettare dalla bicicletta in condizioni ottimali. I parametri che influenzano la percorrenza sono tanti quali le salite, il ridotto contributo muscolare, l’uso cittadino (stop-and-go), il freddo, il peso dell’utente, la velocità elevata, l’età della batteria, il vento contrario, l’insufficiente pressione dei pneumatici e in generale la scarsa manutenzione della bicicletta. Alcuni clienti ci segnalano percorrenze molto superiori a quelle da noi indicate, sappiamo che è possibile ma dipende dal fatto che sono utilizzatori atipici che forniscono un contributo muscolare significativo.

Quanti km si fanno con 1 €uro di elettricità?

Un kWh elettrico costa nel mercato residenziale circa 25 centesimi di €, quindi con 1€ (4 kWh) si fanno circa 10 ricariche di una batteria 36V 10Ah, quindi si percorrono realisticamente dai 400 ai 600 km a seconda della modalità di utilizzo. A confronto, uno scooter fa tipicamente dai 10 ai 20 km con 1 € di carburante, per non paragonarlo ad una macchina dove non si superano i 7-8 km con 1 € di carburante!

È possibile usare le pedalata assistita per andare in salita?

È uno dei tipici motivi per cui si acquista una bicicletta elettrica, perché è un valido aiuto nelle salite. Tutti i nostri modelli sono dotati di rapporti multipli che permettono di dosare nel modo migliore il contributo muscolare del ciclista, le pendenze superabili sono variabili a seconda del contributo muscolare, del peso da muovere e dalla carica della batteria. In generale una pendenza del 10% la possono affrontare tutte le bici, pendenze del 15-20% necessitano di un supporto maggiore, Vi consigliamo di provare la bicicletta sul percorso che si intende effettuare.

Non ho la presa di corrente in garage, come posso ricaricare la batteria?

Tutte le nostre batterie sono estraibili, quindi è possibile staccarle dalla bicicletta e portarle in casa o in ufficio per la ricarica.

Quanto tempo è necessario per la ricarica?

Dipende dalla capacità della batteria e dalla carica residua, normalmente dalle 3 alle 6 ore. Abbiamo scelto di evitare la carica veloce per le nostre batterie, per farle durare di più.

Se la mia e-Bike ha un problema come posso fare?

Sul manuale sono riportati tutti i possibili guasti e per ogni problema è riportata la soluzione. Se dovessi avere un problema che non è riportato nel manuale, contattaci e ti troveremo la soluzione più rapida e il centro assistenza più vicino a te. Attenzione a non effettuare modifiche o riparazioni errate altrimenti perderai la garanzia di fabbrica.
Translate »